sito dedicato agli armamenti italiani

ultimo aggiornamento il 26 ott 2011

Vai ai contenuti

Menu principale:


S.R.C.M.

Bombe a mano italiane WW2 > Offensive - Difensive

filmato sulle bam italiane - cliccare su immagine per visualizzarlo

Prodotta dalla:
Società
Romana
Costruzioni
Meccaniche
Adottata dal 1935
I modelli bellici si riconoscono dalla scritta a rilievo "societa romana" sulla cuffia di sicura

Sicure:
Ordinaria a mano, costituita da un traversino d’ottone con impugnatura in gomma.
Automatica: costituita da una cuffia con traversino in alluminio.

Funzionamento: a percussione all’ impatto posizione universale
Altezza: 85 mm.
Diametro: 57 mm.

Peso della bomba: 240 gr.

Modello da guerra
Peso della carica: 43 gr.
Tipo di esplosivo: miscela di tritolo e binitro-naftalina
Frammentazione in filo metallico avvolto internamente
Raggio d'azione: 10 - 20 m.


componenti interni modello da guerra

manualetto con istruzioni d' uso
(click sulle immagini per ingrandirle)

modello del periodo bellico, fumogeno da addestramento

esisteva variante bellica senza fori di colore rosso sulla metà superiore e nera sulla inferiore, con scritte bianche sul fondo:
F = fumogeno
FI = fumogeno incendiario

Le bombe fumogene da addestramento erano ricaricabili infatti esisteva una cassette con tutti gli utensili necessari per riparare e ricaricare le fumogene.
Tali kit era ancora in uso negli anni 70

modello a carica ridotta da esercitazione
riconoscibile dalla riga marrone/azzurra

Peso della carica: 5 gr.
Tipo di esplosivo: Miscela fumogena attivata
Manicotto metallico senza frammentazione del corpo
Raggio d'azione: circa 10 m.

La riga gialla indica la carica di T.N.T.

Durante la campagna d' Africa delle S.R.C.M. sono state modificate per un utilizzo come mina antiuomo.

montate prive della sicura all' interno di una struttura tubolare con un perno che funzionava da percussore quando calpestando la mina questa scorreva nel tubo urtandolo.

curioso utilizzo della SRCM con un simulacro di legno della granata anticarro L per l' addestramento dei caccia carri


Torna ai contenuti | Torna al menu