Pistola Very - sito dedicato agli armamenti italiani

Vai ai contenuti
Mezzi di segnalazione WW1

Nel 1888 l' esercito italiano adottò la pistola di segnalazione a stelle colorate.
Si parla di pistola Very facendo riferimento al sistema di apertura ideato dall' americano W. Very, la canna ruotava orizzontalmente su di un perno centrale.
Il calibro era di 26,9 mm la canna liscia e la cartuccia si poteva inserire indifferentemente da entrambe le estremita.
Alla sommita della canna una maniglia permetteva di farla ruotare.
Questo intelligente sistema permetteva di fare a meno di un sistema di espulsione in quanto inserendo alternativamente la cartuccia dalla estremita libera si espelleva la cartuccia esplosa dall' altra.

Le cartucce erano costruite similmente a quelle da caccia, un fondello in ottone con la capsula di innesco a percussione ed un involucro di cartone  a stelle colorate erano inizialmente di due colori, a stella rossa e a stella verde, il tappo riportava il colore della stella.
In seguito vista la difficoltà di riconoscere il colore di notte, alle cartucce a stella rossa fù dentellato l' orlo del fondello in ottone.
Il fuoco saliva per circa cento metri e bruciava per cinue secondi circa.




Il codice di segnalazione si basava su di una sequenza di tre lanci in due tempi (in pratica sei razzi per messaggio) che con due colori a disposizione dava luogo a 64 possibili combinazioni di messaggi.
Per aumentare il numero di messaggi componibili fù introdotto un terzo colore il bianco.

Verde=1    Rosso=2 chiaramente con l' introduzione del bianco erano necessari meno di sei razzi per un messaggio oppure si potevano avere più combinazioni di informazioni.

Le fabbriche italiane sono numerose, Mida Castelli, S.a.m.t., F.a.t, Beretta, anche alcuni arsenali ne hanno realizzate.

Con il modello 1900 (dall' anno di adozione) la pistola Very assume la forma che ancora oggi ha.
Canna basculante in acciaio con dente di espulsione.
Calibro 27 mm ad anima liscia

Il corpo delle cartucce divenne interamente in ottone e per riconoscere il colore della stella al buio, l' orlo era liscio, orlato o zigrinato.
Pur mantenendo sempre il tappo di chiusura colorato come la stella contenuta.

Torna ai contenuti